Pulizie di primavera in cucina!

Pulizie di primavera in cucina!

pulizie di primavera in cucina - quali prodotti usare

È giunto il momento delle fatidiche pulizie di primavera!

Programmiamo le pulizie di primavera..partendo dalla cucina!

La pulizia della cucina è un’operazione a cui dedicare molta attenzione e tempo. Per eseguirla al meglio, è opportuno utilizzare prodotti adatti ai diversi materiali.

Il consiglio di base è quello di usare per tutte le superfici un panno in microfibra con acqua tiepida. Per le macchie più persistenti si può diluire del sapone neutro. Per valutare che il prodotto non sia troppo aggressivo, si può testare su una piccola superficie nascosta, prima di passare alle parti più in vista. In generale evitate le paste o le spugne abrasive, che possono rovinare indelebilmente le superfici.

Per le perfette pulizie di primavera della cucina la regola è : da dentro a fuori, dall’alto in basso.

I panni in microfibra per le pulizie della cucina

L’interno dei mobili

Per pulire l’interno dei mobili, dopo averli svuotati, usare il panno in microfibra e un detersivo neutro non abrasivo, del sapone di marsiglia oppure un detergente per vetri, o ancora una soluzione di alcol denaturato (20%) e acqua (80%).

Le cerniere e i meccanismi di apertura dei pensili non dovrebbero essere bagnati, quindi, solo se veramente necessario, utilizzate il panno umido e asciugate bene.

Si prosegue quindi alla pulizia dei cieli dei pensili e delle colonne. Spostate tutti i suppellettili e gli accessori collezionati negli anni. Eliminate quelli di cui non ricordate più la provenienza e pulite gli altri. Pulite quindi con il panno in microfibra i cieli dei pensili e delle colonne,  usando dell’acqua tiepida dove avrete precedentemente diluito poco sapone neutro.

 

E ora puliamo le ante e i piani!

Per le ante e la maggior parte delle superfici si può procedere come già accennato, utilizzando un panno morbido in microfibra, acqua tiepida e sapone neutro.

Per le superfici in laccato si può optare per una soluzione di alcol denaturato (20%) o detersivo neutro (20%) e acqua (80%). Evitate di spruzzare i detersivi direttamente sulle superfici. Risciacquare bene gli eventuali detergenti utilizzati e asciugate la superficie con un panno morbido per evitare la formazione di aloni. è sconsigliato usare candeggina, detersivi acidi o a base di ammoniaca, acido citrico e sostanze abrasive.

Assolutamente vietato l’uso di pagliette in acciaio sulle ante!

Per la pulizia delle maniglie e delle gole, usare il Panno in Microfibra o un panno soffice avendo cura di asciugare bene le superfici metalliche.

 

Igiene e pulizia della cucina: i prodotti giusti a seconda del materiale

Se in cucina si hanno degli elementi in marmo, questi elementi richiedono una manutenzione più attenta. Le superfici in marmo sono trattati con idrorepellenti specifici,quindi la pulizia quotidiana va fatta esclusivamente con panno morbido in microfibra e acqua. In presenza di macchie più persistenti si può usare del sapone liquido naturale specifico per questo materiale. Per assicurarsi che il prodotto sia adatto, è consigliabile testarlo su una parte non visibile. Consigliamo di non appoggiare mai direttamente sul piano stoviglie bagnate, perchè possono lasciare aloni di calcare. Evitate il contatto con sostanze acide-corrosive (limone, aceto, vino, detersivi in genere).

Cosa dire dell’acciaio? Esistono in commercio panni specifici che riescono a sgrassare e a lucidare in una sola passata con il solo ausilio dell’acqua. Se però lo sporco è incrostato, consigliamo di diluire nell’acqua dell’aceto bianco perchè sgrassa ed elimina i batteri. Alcuni prodotti specifici acquistabili in commercio, creano poi una barriera protettiva nei confronti degli agenti esterni.

Importantissimo è utilizzare le spugne giuste: evitare quelle abrasive o le pagliette, che rischiano di creare dei graffi indelebili.

come pulire le parti in acciaio
Per le parti in laminato (materiale molto apprezzato per il piano di lavoro) soprattutto se leggermente poroso, si può optare per una soluzione di bicarbonato sciolto in acqua, avendo cura di sciacquarlo bene e asciugarlo  soprattutto in prossimità dei bordi.

Trovate altri consigli sulla manutenzione delle superfici della cucina a questo articolo.

N.B. In generale consigliamo di testare qualsiasi prodotto su una parte nascosta prima di approcciare le parti più in vista.

Gli elettrodomestici

Quando ci si dedica alla pulizia della cucina è necessario intervenire accuratamente anche sugli elettrodomestici, come il forno e la lavastoviglie, il frigorifero, curandone l’igiene per preservarne le funzionalità.

Staccate le spine o la corrente. Rimuovete dall’interno tutte le parti mobili, come ripiani, scomparti per frutta e verdura, ecc. Lavare a mano, con detersivo per i piatti e una spugnetta morbida, tutti i componenti, e asciugarli bene per evitare la formazione di gocce di calcare. Oppure, se indicato nei rispettivi libretti di istruzione, avviate un lavaggio di questi componenti in lavastoviglie.

Fate molta attenzione alle guarnizioni che potrebbero rompersi se strofinate con troppa forza.

Per il frigorifero, un preparato fai da te per la pulizia può essere realizzato mescolando:

– acqua (una tazza);

– bicarbonato (due cucchiai);

Alcuni forni hanno la funzione pirolitica che consente di “bruciare” i residui all’interno del forno per poi eliminarli con una semplice spugna bagnata.

Leggete attentamente le istruzioni del vostro forno e dei vostri elettrodomestici per maggiori informazioni.